info

LUN – VEN
9.30 – 13.00
14.00 – 18.00

Convidi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

L’esistenza di un contratto regola il lavoro del collaboratore domestico nel nostro domicilio. Da qui dipende l’importanza della tipologia di collaborazione stessa.

Come in qualsiasi lavoro e servizio offerto, l’esistenza di un contratto in regola evita che si possano produrre problemi tra le parti. Inoltre, un contratto in regola suppone una migliore garanzia che il lavoro venga svolto secondo quanto stabilito.

Rivolgersi a un’impresa di pulizie

Quando ci rivolgiamo a qualche impresa di pulizie per determinati servizi e richiediamo che un professionista venga nel nostro domicilio nei giorni stabiliti e nell’orario deciso, stiamo realizzando un contratto con questa impresa. All’interno del contratto saranno dettagliati il tipo di servizio da fornire, il costo dello stesso e le clausole relazionate all’eventuale rescissione dal contratto stesso.

Si può stipulare una polizza assicurativa che copra qualsiasi rottura o imperfezione che si verifichi durante il lavoro. Questa proteggerà il lavoratore da eventuali incidenti che pregiudichino o mettano a rischio la sua salute.

Quando, invece, contrattiamo personale autonomo che svolge il lavoro di pulizia domestica per alcune ore e in diversi domicili, di solito non facciamo attenzione a questa copertura legale.

Dall’anno 2012 qualsiasi collaboratore domestico deve essere correttamente registrato nel sistema di previdenza sociale. Ecco perché il collaboratore domestico deve essere completamente in regola dal punto di vista contrattuale.

Non esigendo che il collaboratore domestico sia in regola, si contribuisce all’economia sommersa e si può incappare in problemi di natura legale. Se il collaboratore domestico subisce un incidente mentre sta lavorando nel nostro domicilio, ci si può imbattere addirittura in cause penali.

Oltretutto, nel caso in cui non fossimo contenti del lavoro svolto o si verifichi qualche rottura di oggetti, ci troveremmo nell’impossibilità di procedere a qualsiasi reclamo per risarcimento danni.

Quindi, sia nel caso in cui ci rivolgiamo a un’impresa di pulizie che a lavoratori indipendenti, è imprescindibile che questi professionisti siano coperti da un punto di vista contrattuale come dovuto.

Collaboratore domestico

altri articoli dal nostro blog